Come difendersi dalle società di Recupero Crediti – Parte 1

come difendersi dalle società di recupero crediti

 

Operatori di recupero crediti : chi sono?

 

Si tratta di operatori privati remunerati con una provvigione sul recuperato, privi di qualsivoglia autorità.

Attenzione: tali incaricati non sono pubblici ufficiali, non sono ufficiali giudiziari, ma semplici privati cittadini, incaricati di un recupero credito e delegati da società private. Voi non avete alcun obbligo nei loro confronti!

Ecco una rassegna delle condotte permesse e l’elenco dei “comportamenti illegali”:

  • Obbligo di informazione all’interessato Quando la società di recupero contatta il debitore deve sempre presentarsi e riferire immediatamente per conto di chi sta telefonando e per quale credito. È diritto del debitore conoscere il nome dell’operatore, della società di recupero crediti e del creditore per il quale si sta tentando il recupero.
  • Numero visibile La società di recupero deve sempre contattare l’interessato da un numero visibile, al contrario, vengono spesso segnalati casi di telefonate da numeri anonimi.
  • Divieto di false dichiarazioni e condotte ingannevoli Le società di recupero crediti non possono riferire al debitore informazioni false e ingannevoli al solo fine di intimorirlo; in particolare, i soggetti incaricati al recupero non possono minacciare azioni o iniziative legali sproporzionate, puramente fantasiose o vessatorie.

Alcuni esempi di false affermazioni delle società di recupero:

  • il mancato pagamento può portare alla dichiarazione di fallimento: falso, in realtà è sempre necessaria un’apposita procedura fallimentare, preceduta dall’emissione di un decreto ingiuntivo o di una sentenza che attesti l’esistenza del credito. In alternativa, il creditore deve essere in possesso di titoli di credito come cambiali o assegni rilasciati dal debitore e non ancora scaduti (6 mesi per gli assegni, 2 anni per le cambiali: dopo tale termine è necessario procurarsi un decreto ingiuntivo);
  • il mancato pagamento dei debiti è un reato e si rischia il carcere: falso, al contrario, si tratta di un inadempimento di natura civilistica e non configura mai illecito penale. Esso può dar luogo, al massimo, a un recupero crediti con l’ufficiale giudiziario;
  • al mancato pagamento può far seguito il pignoramento di beni mobili o immobili o addirittura dello stipendio: falso, in realtà affinché possa esserci pignoramento è necessario che intervenga prima una sentenza o un decreto ingiuntivo e previo procedimento dinanzi al giudice. Oppure, come detto sopra, il creditore deve essere in possesso di titoli come cambiali o assegno. Dunque, il debitore riceverà comunque altri atti a casa e sarà sempre messo nella condizione di difendersi;
  • in caso di mancato pagamento sopraggiungerà l’esattore: falso, in realtà, non esiste la figura dell’esattore per crediti privati. Esiste, al massimo, l’ufficiale giudiziario, e quindi il normale pignoramento; ma anche in questo caso deve prima intervenire una sentenza di condanna o un decreto ingiuntivo.

Leggi la seconda parte

Contattaci ora!
Compila il form o chiamaci allo
0240042042.
Il nostro staff analizzerà gratuitamente ogni tuo rapporto debitorio.

Dichiaro di avere letto e compreso la Privacy e Cookie Policy .

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti contenuti in linea con le tue preferenze.
QUI la Privacy e Cookie Policy. Se clicchi su OK acconsenti all'uso dei cookie di profilazione.