Fisco: quando possiamo salvare una casa dal pignoramento?

Salvare una casa dal pignoramento

Avere un unico immobile intestato e un debito sotto i 120 mila euro sono valide soluzioni per evitare il pignoramento

Quando la casa è in pericolo ci si sforza in tutti i modi di salvarne le sorti, il modo migliore per salvare la casa da un pignoramento è fare in modo che questa sia ufficialmente l’unico immobile di proprietà.

Ma entriamo nel merito. La legge fissa il divieto di pignoramento della casa se:

  • si tratta dell’unico immobile di proprietà del contribuente (questi non deve, cioè, avere neanche una minima quota di proprietà di un altro immobile o in terreni);
  • in essa il contribuente vi ha fissato la propria residenza anagrafica;
  • la casa è adibita a civile abitazione;
  • la casa è accatastata non nelle categorie A/8 e A/9;
  • sì hanno debiti inferiori a 120mila euro.

Per quanto riguarda i primi tre casi, se il contribuente ha un secondo immobile, per mettere in salvo la casa in cui vive dovrebbe cedere la seconda, anche donandola a un parente.

Considerando che il fisco può revocare la cessione nei primi cinque anni è consigliabile agire prima che il debito sia certo.

Inoltre in caso di debito superiore a 50mila euro che riguardi imposte sui redditi o Iva, il contribuente che cede una delle sue proprietà per non farsi pignorare la prima potrebbe essere denunciato per sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

Passiamo all’ultimo caso del nostro elenco. Per un debito del valore di 120.000 euro inclusi interessi, sanzioni e oneri di riscossione, per legge non si può procedere al pignoramento.

In presenza di un debito superiore ai 120mila euro è inoltre possibile portarne la soglia sotto la pignorabilità, pagando parzialmente il debito fino a fargli raggiungere la somma suddetta.

Un altro discorso vale per l’ipoteca, cui si è soggetti con un debito che va oltre i 20.000 euro. Chiariamo che anche in caso di un’ipoteca sull’immobile non è vietato al legittimo proprietario di continuare ad abitarlo o di venderlo.

Dopo numerosi anni scatta la prescrizione del credito e si può ottenere la cancellazione dell’ipoteca, che per legge scade in ogni caso sempre dopo 20 anni.

Il consumatore o l’impresa che abbiano subito un pignoramento immobiliare possono tuttavia richiedere l’ammissione ai benefici della L.3/2012 sulla composizione della crisi da sovraindebitamento. Difatti, nell’attesa che il Tribunale omologhi la proposta di ristrutturazione debitoria è possibile richiedere la sospensione sia della vendita all’asta dell’abitazione che lo sgombero preventivo della stessa.
Per informazioni, approfondimenti ed una consulenza gratuita sull’argomento puoi telefonare al n.02/40042042 oppure compilare il form  per essere contattato da uno dei nostri esperti legali.

Contattaci ora!
Compila il form o chiamaci allo
0240042042.
Il nostro staff analizzerà gratuitamente ogni tuo rapporto debitorio.

Dichiaro di avere letto e compreso la Privacy e Cookie Policy .

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti contenuti in linea con le tue preferenze.
QUI la Privacy e Cookie Policy. Se clicchi su OK acconsenti all'uso dei cookie di profilazione.