Chi può fallire: 5 requisiti per dichiarare fallimento

chi può fallire

Non tutti gli imprenditori possono fallire, ci sono condizioni precise per essere sottoposti a un’istanza di fallimento. Vediamo chi può fallire.

Dopo esserci occupati di accertamenti fiscali nulli, affrontiamo un altro argomento delicato: quello del fallimento. La recente crisi economica ha costretto purtroppo molte aziende a chiudere e sono molti gli imprenditori che si domandano se si trovano nella condizione di poter fallire. Ma quali sono le condizioni per essere sottoposti a istanza di fallimento? Chi può fallire? Entriamo nel dettaglio.

Chi può fallire: presupposti e requisiti

La procedura fallimentare nei confronti di un imprenditore, secondo la legge fallimentare, può essere aperta, solo se sussistono presupposti e requisiti precisi (oggettivi, soggettivi e dimensionali), riassumibili in questi cinque punti:

1. Chi può fallire: presupposto soggettivo

Secondo la legge fallimentare, il presupposto soggettivo stabilisce che a fallire possono essere le imprese private (sia ditte individuali, sia società), che esercitano un’attività commerciale, come produzione di beni e servizi, banche e assicurazioni, trasporto, intermediazione. Non possono fallire gli enti pubblici, le imprese non commerciali, i piccoli imprenditori (imprenditori agricoli), chi lavora in proprio o con membri della famiglia.

2. Chi può fallire: presupposto oggettivo

Lo stato di insolvenza è il presupposto oggettivo per dichiarare fallimento. Con insolvenza in particolare si fa riferimento all’impossibilità da parte dell’imprenditore, a soddisfare le proprie obbligazioni, siano esse di natura economica (es. pagamenti) o materiale (es. consegna di merci), o comportamenti come irreperibilità, latitanza, chiusura dei locali, trafugamento.

3. Chi può fallire: l’attivo patrimoniale

L’attivo patrimoniale è uno dei tre limiti dimensionali, la cui presenza concomitante consente all’imprenditore di evitare il fallimento. L’imprenditore per non fallire deve aver avuto, nei tre esercizi precedenti la data di deposito dell’istanza di fallimento, un attivo patrimoniale annuo non superiore a trecentomila euro.

4. Chi può fallire: i ricavi lordi

Il secondo dei tre limiti dimensionali si riferisce ai ricavi lordi: l’imprenditore per non fallire deve aver realizzato nei tre anni di esercizio precedenti la data di presentazione dell’istanza di fallimento, ricavi lordi non superiori a duecentomila euro. I ricavi in oggetto sono quelli ottenuti in ogni anno e non una media dei tre anni di esercizio. Basta superare la soglia anche per un solo anno per poter essere assoggettabili al fallimento.

5. Chi può fallire: ammontare dei debiti

Il terzo limite dimensionale riguarda i debiti: l’imprenditore per non fallire deve avere debiti (anche non scaduti) per un ammontare non superiore a cinquecentomila euro, alla data della richiesta di fallimento.

Chi può fallire: in conclusione

Oltre ai due presupposti (soggettivo e oggettivo), l’imprenditore evita l’istanza di fallimento se non supera tutti questi ultimi tre requisiti, ma attenzione, l’assenza dei presupposti perché l’impresa possa essere fallita, non preclude (giustamente) il ricorso ad azioni legali da parte dei creditori per tutte le posizioni debitorie che l’imprenditore può non aver soddisfatto.

In tal caso si consiglia vivamente il ricorso alla L. 3/2012 (legge sulla composizione della crisi da sovraindebitamento) una domanda di esdebitazione al tribunale di competenza si possa rinegoziare a condizioni sostenibili il proprio monte debitorio.

Se vuoi sapere come possiamo aiutarti consulta la pagina Servizi di MuSa, se invece hai bisogno di assistenza, compila il form qui accanto e sarai contattato da un nostro incaricato.

Contattaci ora!
Compila il form o chiamaci allo
0240042042.
Il nostro staff analizzerà gratuitamente ogni tuo rapporto debitorio.

Dichiaro di avere letto e compreso la Privacy e Cookie Policy .

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti contenuti in linea con le tue preferenze.
QUI la Privacy e Cookie Policy. Se clicchi su OK acconsenti all'uso dei cookie di profilazione.